Alfabetizzazione Digitale: fondamentale per i vertici aziendali!

Dallo studio di CA Technologies ‘Digital Literacy’ emerge che all’interno delle aziende il potenziale innovativo delle tecnologie può essere vanificato da una scarsa consapevolezza, da parte del top management, del ruolo strategico dell’Information Technology

Il management aziendale deve saper cogliere il reale valore della tecnologia a supporto del business – lo afferma una recente ricerca intitolata ‘The Future Role of the CIO; Digital Literacy‘ commissionata da CA Technologies. Lo studio, condotto dalla società di analisi di mercato Vanson Bourne su un campione di 685 aziende in tutto il mondo, rivela che il 100% dei responsabili dei sistemi informativi intervistati in Italia ritiene che l’alfabetismo digitale del top management costituisca un requisito indispensabile per lo sviluppo e la crescita del business aziendale.

La ricerca evidenzia che il contributo delle nuove tecnologie ai cambiamenti auspicati trova molti ostacoli non solo finanziari, ma soprattutto di tipo culturale. Il potenziale innovativo delle tecnologie viene spesso vanificato da una serie di errate percezioni da parte del top management e dal mancato coinvolgimento dei responsabili informatici nella definizione delle strategie di business che nell’era della Digital Economy si intreccia in modo indissolubile con la disponibilità di soluzioni software, dispositivi mobili e reti tecnologicamente avanzate.

Il 47% dei responsabili dei sistemi informativi (Chief Information Officer – CIO) italiani intervistati ha dichiarato che i vertici aziendali non intuiscono il ruolo strategico dell’IT per sviluppare il business, migliorare l’efficienza dei processi e introdurre maggiore agilità e competitività in azienda. Non sorprende quindi che, secondo quanto emerge dalle risposte fornite dagli intervistati, solo il 40% dei CIO che lavora in aziende italiane sia chiamato a partecipare alle decisioni del top management e conseguentemente a contribuire alla definizione del pensiero strategico digitale nel team dirigente.

Lo studio rivela che troppo spesso nell’organizzazione aziendale le figure dirigenziali destinate alla gestione dell’Information Technology vengono percepite come specialisti incaricati di ‘far funzionare la macchina‘. Una percezione errata e controproducente, che nasce in un contesto storico ormai profondamente mutato. Il cambiamento che ha investito in questi anni la tecnologia è sfuggito all’attenzione di chi oggi ancora stenta a capire quanto l’innovazione sia critica per il successo di un’azienda e che innovazione e tecnologia procedono di pari passo.

Il 59% dei CIO interpellati nello studio per l’Italia, ritiene che nonostante il positivo impatto di tecnologie dirompenti, come il cloud computing, il management aziendale continua a non considerare l’IT come un asset autenticamente strategico ma piuttosto come uno dei tanti ‘costi di esercizio‘.

In questo processo di trasformazione culturare, la missione fondamentale del CIO è cercare di trasferire all’interno dell’organizzazione – fino ai livelli manageriali più alti – i valori dell’innovazione tecnologica, contribuendo a creare una cultura digitale diffusa e la consapevolezza del ruolo strategico delle tecnologie informatiche verso il business aziendale.

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Notizie
I nostri prodotti sono soluzioni per Voi!

Abbiamo sviluppato soluzioni ad hoc per gli Ospedali. Cerchiamo con loro, e diamo loro, soluzioni per “dati in mobilità” come: Persone (pazienti, staff medico-sanitario), Item clinici (Farmaci, Sangue, Campioni Biologici), Servizi (Lavanderia, Manutenzione, Rifiuti, Pasti).

I nostri progetti hanno trovato soluzione per diversi ambiti ospedalieri: Reparti, Sale Operatorie, Pronto Soccorso, sempre utilizzando Tecnologia RFID applicata ai processi operativi.

La tecnologia RFID, infatti, introduce in questi contesti il concetto di “Identificazione Univoca”: cioè Tracciamento Certo del dato!

Tecnologia d’avanguardia

Fin dall’inizio la nostra scelta è stata la Tecnologia RFID. Diamo particolare attenzione al tema della Tracciabilità, applicando questa tecnologia ai “processi sanitari”.

Costantemente allineata all’avanguardia tecnologica, MIR, con dispositivi di uso comune quali Smartphone e Tablet (Apple, Android, Windows) e una rete di strumenti tecnologici quali, Tag RFID (passivi, HF o UHF), WEB 2.0, 3G e Wi-Fi, ha realizzato una linea di soluzioni “Tracker”, oggi proposta sul mercato con diversi moduli per “aree di processo”.