Sanità online per 59% dei pazienti

PriceWaterhouseCoopers: il 53% dei medici teme che le nuove tecnologie possano aprire la strada alla “medicina fai da te”

I nuovi media sono sempre più utilizzati dai medici e soprattutto dai pazienti. Tanto che per il 59% le applicazioni web e smartphone della e-health hanno sostituito la tradizionale visita con il medico. Lo rivela una indagine condotta dalla PriceWaterhouseCoopers condotta in 10 Paesi (Danimarca, Germania, Spagna, Regno Unito, Brasile, Cina, India, Sud Africa; Turchia e Stati Uniti), analizzata all’incontro promosso dalla Federazione di Asl e ospedali italiani (Fiaso) nell’ambito del Forum PA.Secondo la ricerca per via digitale il 43% dei pazienti entra in contatto diretto con medici e istituzioni sanitarie. Ma i camici bianchi sono più refrattati alla mediazione delle nuove tecnologie: consapevoli dei rischi della e-medicina, solo il 27% di loro incoraggia i propri pazienti a farne uso. E i più refrattari sono proprio i giovani medici che nel 53% dei casi temono di perdere il contatto con il paziente. Il pericolo è insomma che la sanità digitale diventi il pretesto per una “medicina fai da te” sicuramente poco efficace oltre che foriera di un consumismo sanitario già diffuso.

Ma che la sanità debba fare i conti con i nuovi media lo conferma anche un recente studio promosso proprio da Google, secondo il quale l’84% dei pazienti ha rivelato di utilizzare sia fonti online che offline per valutare le strutture. E se il 49% degli intervistati ha confermato di ricorrere al consiglio del medico di fiducia, il 77% si è affidato ai motori di ricerca, il 76% ha navigato sul sito web di un luogo di cura e il 52% in siti informativi dedicati alla salute. Il 98% dei pazienti effettua la propria ricerca attraverso un pc fisso o portatile, ma cresce la percentuale di quanti dichiarano di ricorrere anche ad altri strumenti: circa un terzo utilizza un tablet o uno smartphone ogni giorno per le ricerche o per la prenotazione stessa delle prestazioni. I video online, infine, sono importanti per le strutture per raccontare storie di vita, informare e creare relazioni attraverso la narrazione.

di F.Me.

Pubblicato in Notizie
I nostri prodotti sono soluzioni per Voi!

Abbiamo sviluppato soluzioni ad hoc per gli Ospedali. Cerchiamo con loro, e diamo loro, soluzioni per “dati in mobilità” come: Persone (pazienti, staff medico-sanitario), Item clinici (Farmaci, Sangue, Campioni Biologici), Servizi (Lavanderia, Manutenzione, Rifiuti, Pasti).

I nostri progetti hanno trovato soluzione per diversi ambiti ospedalieri: Reparti, Sale Operatorie, Pronto Soccorso, sempre utilizzando Tecnologia RFID applicata ai processi operativi.

La tecnologia RFID, infatti, introduce in questi contesti il concetto di “Identificazione Univoca”: cioè Tracciamento Certo del dato!

Tecnologia d’avanguardia

Fin dall’inizio la nostra scelta è stata la Tecnologia RFID. Diamo particolare attenzione al tema della Tracciabilità, applicando questa tecnologia ai “processi sanitari”.

Costantemente allineata all’avanguardia tecnologica, MIR, con dispositivi di uso comune quali Smartphone e Tablet (Apple, Android, Windows) e una rete di strumenti tecnologici quali, Tag RFID (passivi, HF o UHF), WEB 2.0, 3G e Wi-Fi, ha realizzato una linea di soluzioni “Tracker”, oggi proposta sul mercato con diversi moduli per “aree di processo”.